+39 333 906 3340 info@socialwriter.it
Seleziona una pagina

L’email marketing è ancora oggi uno dei modi migliori per fare comunicazione, per vendere e promuovere prodotti e servizi sul web. Grazie alle nuove tecnologie, è diventato uno degli strumenti di web marketing più importanti, efficaci e vincenti. Le nuove piattaforme per creare e gestire campagne di email marketing, o newsletter, consentono di organizzare al meglio il lavoro. Ce ne sono ormai moltissime fra quelle gratuite, semi-gratuite (diventano a pagamento se si superano certi limiti di invii o contatti) e a pagamento.

Ogni azienda o libero professionista, dovrà scegliere la piattaforma più adatta al suo business. I dettagli fondamentali da ricercare in una piattaforma per newsletter sono sostanzialmente tre: creare delle vesti grafiche accattivanti, gestire al meglio le liste contatti e fornire una buona reportistica.
Per quanto riguarda la veste grafica, la piattaforma ideale deve permettere all’utente di creare layout e impaginazioni di buon livello con una certa facilità, dato che molto spesso non vengono utilizzate da grafici, ma da professionisti della comunicazione. Le liste di contatti, devono essere facilmente gestibili, modificabili e suddivisibili in categorie e sotto categorie, magari potendo taggare i singoli contatti per farli rientrare automaticamente in più liste. Infine, è importantissima la reportistica di ogni singolo invio, che va studiata a fondo per poter migliorare costantemente le performance.
Le piattaforme più utilizzate sono Mail Chimp, Infusionsoft, Mail Up, Aweber, Constant Contact, Convert Kit, Active Campaign, Get Response, Smart Serial, Mail List Controller, Send Blaster e Mail Ant.
Analizziamo nel dettaglio le prime tre, Mail Chimp, Infusuion Soft e Mail Up, in quanto sono le più usate e sono diverse l’una dall’altra.

Mail Chimp è entrata nel mercato in sordina ormai parecchi anni fa e oggi è diventata la piattaforma forse più utilizzata dalle piccole e medie aziende. È molto conosciuta anche fra i liberi professionisti, in quanto consente di essere usata nelle sua versione gratuita fino a 2 mila contatti. Vuol dire che possiamo avere una o più mailing list, per un totale di 2 mila mail inserite, alle quali possiamo inviare fino a 12 mila mail ogni mese. Dunque, la versione gratuita consente di fare già una buona mole di lavoro. Inoltre, Mail Chimp consente di costruire layout grafici molto diversi, moderni, dinamici e accattivanti con una discreta semplicità. Non è per nulla difficile imparare, è tutto molto intuitivo. È altrettanto semplice gestire le liste di contatti, inserendo le mail con dei copia e incolla da file Word o Excel, oppure caricando direttamente il file che contiene i contatti. Consente inoltre di programmare gli invii delle newsletter e fornisce dei dati sui singoli invii piuttosto dettagliati.

Infusionsoft non è una semplice piattaforma per creare e gestire newsletter, ma è un vero e proprio CRM (customer relationship management) molto utilizzato da aziende soprattutto di medie dimensioni, ma anche grandi. Ha un costo annuale non proibitivo per una media azienda, piuttosto basso per una grande e forse troppo elevato per un libero professionista. Una volta acquistato l’account, prima di iniziare a utilizzare la piattaforma, l’utente dovrà seguire alcune lezioni fornite dal personale di Infusionsoft, per imparare le basi tecniche e pratiche di ciò che offre il sistema. Queste lezioni vengono fatte live, in inglese, su una piattaforma di videochat. Infusionsoft dà la possibilità di lavorare in maniera molto completa per chi vuole offrire prodotti e servizi, fornendo gli strumenti non solo per inviare newsletter, ma per legare intorno ad esse un flusso di comunicazione molto efficace. Vale a dire: si possono costruire mail con all’interno call to action (bottoni che invitano al clik) i quali fanno partire in automatico un’altra mail verso quell’utente. Mail, che a sua volta può contenere altre call to action diverse e l’utente viene taggato in un modo, o in un altro, a seconda di quale bottone ha premuto e riceve un’altra mail. Esempio: l’utente riceve una mail nella quale gli viene chiesto se vuole sapere di più sulle offerte…cliccando il classico SCOPRI DI PIU’, riceve un’altra mail nella quale gli viene chiesto a quale tipo di prodotto è interessato: viaggi, articoli sportivi o abbigliamento da donna. A seconda della scelta verrà taggato per essere inserito in una lista che gli consentirà di ricevere in automatico tutte le comunicazioni riguardanti i viaggi, gli articoli sportivi o l’abbigliamento da donna. Inoltre, riceverà un’ultima mail che lo accompagnerà all’acquisto, con la scelta del prodotto e il link all’e-commerce.Mail Up è una piattafrma altamente professionale, utilizzata soprattutto da grandi, ma anche da medie aziende. Consente di organizzare un workflow di comunicazione molto fluido, layout multicanale responsive, un sistema molto potente di customer engagement e generazione di lead. Inoltre, è possibile verificare costantemente il traffico al sito Internet, aumentare le conversioni e creare newsletter con vesti grafiche molto professionali e moderne. Su certi aspetti è un po’ meno semplice di Mail Chimp nel suo utilizzo, ma comunque piuttosto intuitivo.